Un salto a Parigi

Tra i buoni propositi del nuovo anno, c’era (o meglio, c’è) anche quello di prendermi più tempo per me stessa. E allora ieri, dopo tanto rimandare, finalmente sono andata alla mostra di Robert Doisneau (a Roma fino al 10 febbraio, alla Galleria Nazionale) per sognare un pò quella che è una delle mie città preferite: Parigi.
Mi piacciono le foto, e anche tanto, ma non posso definirmi una vera appassionata, sarebbe uno sminuire quelle persone alle quali questa passione scorre veramente nelle vene.

81

Eppure ieri, solo a guardarle quelle immagini, mi si è smosso qualcosa dentro.
Foto che parlano: alla mente, ai ricordi, al cuore, alla bocca dello stomaco; che suscitano sensazioni forti, che quasi confondono, perchè non capisci come mai ti senti frastornata.
Foto che emozionano fortemente, che fanno nascere un sorriso, ma anche una lacrima, la lacrima dell’emozione che ti prende, ti disarma e ti atterra, nel senso più vivo, vero e buono possibile.
Foto che fanno nascere voglie: di una corsa in mezzo a una piazza piena di macchine, di comprare un palloncino e camminare con la testa leggera, di un bacio che ferma il proprio mondo mentre il resto va avanti, di notti passate in piedi mentre tutto intorno dorme, di chiacchierare sui gradoni delle scale che portano sulla Senna, di comprare una baguette calda e mangiarla senza troppi sensi di colpa, di fermarsi e pensare un pò a se stessi, di salire per vedere le cose dall’alto.
Foto che fanno venire (ancora) voglia di un viaggio, una partenza. 
Voglia di Parigi.

82 83 84

Questo è Doisneau.
Questa è Parigi.
Queste sono le mie emozioni.
Assecondate le vostre voglie, prendetevi più tempo per voi stessi e soprattutto: sognate, anche ad occhi aperti, che alle volte, non c’è proprio nulla di male a lasciarsi andare ad un’emozione o un sogno.

Buon week end a tutti.
Stay tuned.
Lulu

P.s. per chi ama Parigi, fate un salto sulla mia pagina Facebook e perdetevi nell’album dedicato proprio a Parigi.82

83

84

By | 2016-10-17T16:48:02+00:00 Gennaio 18th, 2013|Diary, Parigi, Travel|0 Comments

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.