Storie di vita in palestra – 3

E’ arrivato quel momento che da una parte speravo non arrivasse mai. Una delle prima cose che mi disse il personal trainer fu proprio questa: “inizieremo lavorando insieme due volte a settimana, poi diventerà una e il resto lo farai tu”. Seguito da quelle quattro paroline, magiche e maledette:

“dipende tutto da te”.

733
“Dipende tutto da te”. E a nulla serve dare la colpa al ciclo, ai pensieri che ti turbano, alle frappe che ti tentano. La vita è così: situazioni che si susseguono, si intrecciano e ci travolgono, ma alla fine è proprio vero: dipende tutto da noi. Quindi ieri, armata di pazienza (tanta), forza di volontà (tantissimissima), la giusta dose d’incazzatura (che purtroppo non mi abbandona ma ho imparato a sfruttare bene), ho iniziato il mio allenamento da sola, con la compagnia di una scheda di esercizi da fare che a pensarci bene potrebbero sembrare più allettanti due versioni di latino e cinque problemi di algebra. Oddio… a pensarci bene bene anche no, mi tengo la scheda degli esercizi, perchè l’algebra non l’ho mai capita ed il latino per me non esiste.
Salta qua, zompa la, squat di su, squat di giù, plank, crunch, bench, affondi, torsioni e chi più ne ha più ne metta.
Non voglio fare la parte di quella che si ammazza e si lamenta per sentirsi dire “brava!”: ragazze, l’attività fisica, fatta come si deve, non è facile, è faticosa, è dolorosa (li per li), è snervante certe volte, ma come ci si sente alla fine di tutti i circuiti, nonostante ti sudino persino le orecchie, vorresti menare chiunque accenni a un minimo sorriso e il tuo unico desiderio è quello di stramazzare al suolo, non ci si sente in nessun altro modo. E per chi ha bisogno di sentirsi vivo, parte di qualcosa, di vedere risultati in un cammino che ha intrapreso e in un impegno preso con se stesso, non può non credere che lo sport aiuti. Anche e soprattutto quando è l’ultima cosa che pensi possa servirti ed aiutarti.

734 735

 

A chi ha il dubbio, teme la pigrizia, sente che non ce la può fare io dico una cosa: provateci, sempre e comunque. E la palestra è solo una metafora per la vita: tutto può sembrare impossibile, inavvicinabile ed irraggiungibile, ma non è così.

“Dipende tutto da te”
 

E sebbene non sia facile, tutto richieda impegno e serietà, io mi sento in dovere di dire grazie a chi crede che ce la posso fare e a chi pensa che, con tanta buona volontà, se voglio, posso. Tutto.

Stay fucking strong.

 

By | 2016-10-17T16:40:23+00:00 febbraio 28th, 2014|Sport|9 Comments

9 Comments

  1. Fabiola Tinelli febbraio 28, 2014 at 1:26 pm - Reply

    Anche io avrei paura della pigrizia, conoscendomi! In effetti per fare i lavori in casa da sola ci vuole una bella forza di volontà!

    • Lulu marzo 3, 2014 at 8:40 am - Reply

      Ci vuole un pò in tutto, e ce la possiamo stra fare!! Siamo donne "cazzute" ahahahahah!
      Un bacione!

  2. E. febbraio 28, 2014 at 2:13 pm - Reply

    Che brava Lulu, vorrei averla io tutta questa forza di volontà! 🙂

    • Lulu marzo 3, 2014 at 8:41 am - Reply

      Credimi, è solo l'inizio la parte difficile, quando prendi il via non vuoi più smettere!
      Un bacione!

  3. RocknGiu febbraio 28, 2014 at 2:35 pm - Reply

    Sempre più bella, fuori e soprattutto dentro!! :*

    • Lulu marzo 3, 2014 at 8:41 am - Reply

      Grazie, davvero grazie di cuore.
      Un bacione cara :*

  4. Memole Mem febbraio 28, 2014 at 3:31 pm - Reply

    Bravissima…Continua così…E' vero…Volere è Potere…E' diventato anche il mio motto…

    • Lulu marzo 3, 2014 at 8:42 am - Reply

      Esatto: volere è potere!
      Un bacio grande!

  5. toskanka giugno 3, 2014 at 9:07 am - Reply

    si, tutta la verità…Io trovavo sempre le scuse per rimanere sul divano dopo la giornata di lavoro…da poco tutto è cambiato – adesso non riesco a stare ferma neanche un giorno! bello il blog – hai una nuova follower 🙂

    http://www.toskanka.blogspot.com

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.