Fra imprevisti e scoperte, Parigi è sempre Parigi.

I programmi sono fatti per essere stravolti.
Non si finisce mai di scoprire (e farsi un’idea).
Parigi è sempre Parigi, anche con la pioggia, il freddo ed il caos natalizio.

1008

Saremmo dovuti arrivare alle 15 e invece abbiamo respirato l’aria francese più o meno a mezzanotte (quindi un pomeriggio è volato via chissà dove, grazie Alitalia!). Eravamo pronti al freddo, ma anche al sole, ed invece abbiamo visto la pioggia, al più la nebbia (grazie IlMeteo.it). Avevo segnato tutto e di più sull’Iphone, fra appunti ed applicazioni, ed il telefono ha deciso di abbandonarmi (grazie Apple!). Niente Museo d’Orsay (meno male che lo avevo già visto), niente giro sulle torri di Notre Dame (uno dei tanti motivi per tornare), niente giro ai giardini del Luxembourg (causa pioggia + chiusura).
Ma nonostante questo, Parigi è sempre Parigi.
1009 1011 1010

Ho scoperto che se si vuole vedere il cuore pulsante di Parigi, bisogna andare nel Marais, anche (e soprattutto) di domenica. Che spesso il vino rosso viene servito freddo, ma scalda lo stesso. Che il caffè non è poi così cattivo come tanti ci raccontano. Che è una cosa normale (ma pur sempre schifosa) sedersi al tavolino di un bistrot e vedere un topolino passeggiare indisturbato per il locale. Che ci sono più punti Chanel a Parigi che in tutto il mondo, e a proposito di Chanel: il Rouge Allure Velvet n° 40 è uscito di produzione. Che se si vuole vedere Parigi in santa pace, è meglio evitare il periodo natalizio: non esistono mezze misure, si passa dal delirio (gli Champs Elysée sono tanto belli quanto invivibili) alla desolazione più assoluta girato l’angolo. Che i giardini del Lussemburgo chiudono alle 16.30, orario di uscita delle scuole, e questa cosa bo, mi lascia un pò perplessa. Che dopo aver assaggiato i tanto decantati macarons di Pierre Hermè, sono giunta alla conclusione che non c’è paragone: Ladurée vince a mani basse. E rimanendo in tema culinario, ho scoperto che con la fame tutto sembra più buono di quello che è e che ad una semplice crêpe alla Nutella, preferisco mille volte una crêpe con composta di mele e vaniglia. Infine, ho scoperto che un ombrello trasparente a cupola, è perfetto per vedere i tetti di Parigi anche con la pioggia.
E che con i suoi pro ed i suoi contro, Parigi è sempre Parigi.

1013 1016 1015 1014

Parigi è sempre Parigi, che ci sia la pioggia, le nebbia ed il freddo, con il sole nemmeno ve lo dico, in compagnia e sono sicura anche da sola. E’ romantica, ancora un pò, piena di clichè che in fondo tanto amiamo, melanconica quanto basta, stupefacente ogni volta, ed ogni volta con qualcosa di nuovo e di bello e di diverso. Per fare acquisti veramente carini, per far gioire le papille gustative, per perdersi un pò.
E magari ritrovarsi.

“Respirare Parigi conserva l’anima”

Victor Hugo 

 
Stay tuned.

 

By | 2016-10-17T16:36:39+00:00 dicembre 17th, 2014|Parigi, Travel|12 Comments

12 Comments

  1. Patalice dicembre 17, 2014 at 10:14 am - Reply

    l'ho vista 4 volte, due volte con la family, una da sola con Jn e l'ultima con Brivido… è una città a miusura di coppia, dove il romanticismo la fa da padrona… tanto quanto la pioggia, che quando ci sono andata io, non è praticamente mai mancata… manco a Ferragosto!
    hai prorpio ragione, Parigi è sempre Parigi, bella e decadente, frizzante e vissuta, sporca e profumata… come una regiona in disgrazia, che ha sempre il suo inalterato fascino

  2. Emanuela Rossi dicembre 17, 2014 at 10:26 am - Reply

    non sono mai stata a Parigi e forse, bisognerebbe visitarla in un altro periodo… magari con un pò di sole 🙂 però dalle foto vedo che è bellissima
    http://www.paginediseta.net

  3. Cristina P dicembre 17, 2014 at 10:41 am - Reply

    Sei stata sfortunata con il tempo ma, come dici tu, Parigi è sempre Parigi! 🙂
    Io ci andrò per 2/3 giorni a Giugno, regalo il biglietto aereo per Natale a mia mamma (ho trovato un prezzaccio su Transavia e con 130 euro voliamo in due a/r… non mi par vero!!) Anzi, hai per caso dritte sull'alloggio? Stavo guardando sia booking che airbnb…

  4. Valentina Sandre dicembre 17, 2014 at 11:29 am - Reply

    E pensare che io devo aspettare il 2016.. piango.. :'(

    Lady Ferrari's Kingdom

  5. La Folle dicembre 17, 2014 at 12:49 pm - Reply

    Purtroppo molte città nordiche hanno il problema del tempo e Parigi è tra queste 🙁 io fortunatamente l'ho visitata in estate col bel tempo, non vedo l'ora di tornarci!

  6. Kanachan dicembre 17, 2014 at 4:39 pm - Reply

    vista due volte, una in piena estate (ad agosto) e una in novembre… il Marais è il posto in cui sono voluta tornare (perchè cucinano piatti ebraici, per cui ho un debole), Notre Dame, la Torre Eiffel, il Museo d'Orsay, ecc, tutte cose che la seconda volta non ho fatto, perchè già fatte bene la prima… però mi sono voluta concedere la meraviglia di Versailles… perchè sì… la reggia è bella anche in un'uggiosa giornata novembrina! (ecco la pioggia che la fa da padrona anche nel mio giro!) Si dice che non ci sia 2 senza 3… ho poi due coppie di amici che vivono lì…. dovrò tornarci!

  7. Fabiola Tinelli dicembre 17, 2014 at 9:03 pm - Reply

    Io ci sono stata tantissimo tempo fa a fine luglio, faceva un caldo da impazzire! Ma Parigi, come dici tu, è sempre Parigi, quindi non fatico a credere che sia bellissima e affascinante anche con la pioggia! Bellissimo il tuo ombrello comunque, ne cerco da anni uno così! Dove l'hai preso??

  8. Erika Serena from dicembre 17, 2014 at 10:04 pm - Reply

    Manco da decisamente troppo tempo…

  9. Monica La Barbera dicembre 17, 2014 at 10:54 pm - Reply

    Ci sono stata due volte e ci tornerei anche domani … che poi, come dice Gabrielle in Midnight in Paris: Parigi è molto più bella con la pioggia!

  10. La Civetta Stilosa dicembre 18, 2014 at 9:49 am - Reply

    Sono stata diverse volte a Parigi e mi ritrovo nella tua bellissima descrizione… mi hai fatto rivivere l'emozioni di una città che ti rimane nel cuore!
    Baci e buona giornata, F.

    Passa a trovarmi se ti va! http://www.lacivettastilosa.com/pink-nude-faux-fur/

  11. Valeria dicembre 18, 2014 at 10:06 am - Reply

    Aspettavo questo post per rivivere attraverso le foto l'atmosfera di Parigi. Vedo che nonostante qualche imprevisto hai girato abbastanza. Io ci sono stata due anni fa e adesso ho una gran voglia di ritornarci.
    Un bacio

    http://www.myurbanmarket.net

  12. Eleonora Marini dicembre 18, 2014 at 11:48 am - Reply

    Finalmente riesco a leggere questo post e a respirare un po' di aria parigina… che favola e che incanto amica!!!
    Certo, con il rossetto Chanel sarebbe stato ancora meglio ma sono felicissima per questo tuo bel viaggio 🙂

    The Princess Vanilla

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.