Del non saper più tornare indietro quando cominci ad andare avanti.

“Certo che la vita a volte è strana,
un pò signora un pò ruffiana
e mi domando spesso se sto meglio adesso che lo so…”

E certo che la vita a volte é strana veramente. Passi momenti, periodi, giorni, settimane o mesi, se non addirittura anni, a ripeterti che non puoi andare avanti: non ce la puoi fare perché tu proprio non ne hai le forze, non sei in grado perché tu, in fondo, proprio non ne vuoi sapere di rimetterti in gioco.

Storie di un amore eterno che di eterno, forse, avranno il ricordo mischiato al rimpianto mischiato al rimorso. Lavori capaci di darti tutto insieme tutto, e tutto insieme niente. Amici, conoscenti, pezzi di vita che se ne vanno, senza un perché accettabile, senza quel qualcosa che ti dia un motivo in più per andare, anzi.

La fine di un amore che ci blocca in un presente agonizzante dove i ricordi prima e la rabbia dopo bloccano tutto, lasciandoci, se tutto va bene, fermi, o riportandoci indietro quando proprio non ce la possiamo fare. La paura della fine di un ciclo – di studio, di lavoro, di qualsivoglia legame o passione – che ci incatena in quel vortice di domande così asfissianti che a forza di ripeterci “e adesso?” “cosa sarà??” ” che farò” altro non facciamo che rimanere fermi ed immobili.

Inutile girarci intorno: ci sono momenti nella vita in cui andare avanti non sembra una cosa possibile. Perchè manca la voglia, il coraggio, la fiducia, la speranza. Perchè alle volte non siamo noi a scegliere di dover cambiare, lo fa la vita per noi e accettare il cambiamento non è mai facile. Pechè, più banalmente, riconosciamo il fatto che andare avanti significa chiudere, e chiudere non è mai facile.

Poi arriva la vita con la sua capacità di sorprenderci.

Poi arriva il momento in cui fai un passo, anche piccolo, ma significativo. Un passo che è come la prima pietra di una grande costruzione. Fai pace con te stesso, la vita e chi ha scelto per te. Accetti il corso delle cose, perchè l’accettazione è l’unica via di scampo per la sopravvivenza, prima, e il ricominciare a vivere, dopo. E vai: mandi quel messaggio a chi di dovere, dove manifesti ciò che provi nel bene nel male, e non con l’intenzione di mettere il tutto nelle mani di un altro, ma perchè, semplicemente, ti dai una possibilità che sappia tanto di vero quanto di liberazione. Invii quel curriculum, magari anche un pò alla leggera, ma intanto tu lo fai perchè non si sa mai, perché da qualcosa si deve pur partire, perché inizi a soffocare nella tua incapacità di andare avanti, perché inizi a capire che la voglia e il coraggio valgono più, molto di più della noia e della paura.

Provi, rischi, sbagli.
Riprovi ancora, magari rischi di più. Sbagli di nuovo.
Fiato.
Ancora, ancora e ancora.

Insisti, perchè se la vita insegna tanto, in quel tanto c’è anche quella cosa per cui ti rendi conto che se pensi che una cosa possa valere la pena – di un tentativo, di un rischio, anche di un fallimento – tu insisti fino anche a farti del male, che poi chi lo sa che quel male invece non diventi un bene.

E si aprono scenari, dietro le vittorie, ma anche dietro le sconfitte e i fallimenti. E mentre la vita tutta intorno scorre, tu non ti rendi conto che hai ricominciato ad andare avanti, verso una possibilità, verso un tentativo, verso qualsiasi cosa che non sia il restare fermo ed immobile.

E’ così che la vita riprede il suo ritmo e tu (ri)cominci ad andare avanti. A suon di tentativi, a ritmo dei “no” a cui impari ad andare E ti fermi, a un certo punto. Ti fermi e ti rendi conto che, quando inizi ad andare avanti, pensare di poter restare fermi, ma ancora più di poter tornare indietro, diventa la vera cosa impossibile da fare. Ed il regalo più bello, alla fine di tutto, è capire che il vero limite alla possibilità di regredire, è la tua voglia, che vuole solo andare avanti.

 

By | 2019-02-11T23:24:21+00:00 Febbraio 11th, 2019|Diary|1 Comment

One Comment


  1. Warning: strlen() expects parameter 1 to be string, object given in /home/lulucuom/public_html/wp-includes/formatting.php on line 2893
    Avatar
    Francesca Aprile 12, 2019 at 12:27 pm - Reply

    grazie per questo post, mi ha regalato la forza di non arrendermi.

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.